Nibbio reale, Milvus milvus

Nibbio reale, Milvus milvus

Sembra che nella Lucania, terra di boschi e di lupi, vive la più grande colonia di Nibbio reale “U cudu a furcigghi”, così lo chiamano i lucani per via della sua coda a due punte. Questo nibbio si nutre anche di carogne, per questo frequenta le discariche a cielo aperto, le masserie dei pastori e cerca animali investiti lungo le strade. Una specie di spazzino che rischia a volte di morire come i lupi e altri animali per la odiosa pratica dei bocconi avvelenati. Comunque in questa terra selvaggia il grande nibbio ci vive da sempre, la sua sagoma inconfondibile che plana nel cielo è la conferma di trovarsi in Basilicata. Anch’io che ci ritorno spesso sono riuscito in qualche occasione a fotografarlo attratto dai suoi fischi e dai suoi colori molto particolari.

 

L'inconfondibile sagoma del Nibbio reale

L’inconfondibile sagoma del Nibbio reale

Posati sui vecchi rami o in volo i nibbi lanciano insistentemente i lor richiami

Posati sui vecchi rami o in volo i nibbi lanciano insistentemente i lor richiami

A sera si riuniscono in stormi anche nunerosi per trascorrere la notte

A sera si riuniscono in stormi anche nunerosi per trascorrere la notte

Roost nella pineta nei pressi di Senise

Roost nella pineta nei pressi di Senise

I nibbi cercano il cibo planando lungo le strade e nelle campagne

I nibbi cercano il cibo planando lungo le strade e nelle campagne

Una carcassa di volpe richiama diversi esemplari a nutrirsi

Una carcassa di volpe richiama diversi esemplari a nutrirsi

Nibbio reale, Milvus milvus

Nibbio reale, Milvus milvus

Censimento del Nibbio reale coordinato da Matteo Visceglia ed Egidio Fulco Entra QUI

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *