Il Pollino, sfumature estive

Il Pollino, sfumature estive

Da un semplice baratto in rete è nato un interessante viaggio.

Giuseppe aveva postato un’immagine della Rosalia alpina (Coleottero) e il desiderio di conoscere questo “gioiello” della natura mi ha fatto rispondere che avrei voluto fotografarlo anch’io. La replica di Giuseppe non si è fatta attendere e mi ha fatto una controproposta: “se mi porti sulle tracce dei lupi, ti porto nel mondo degli insetti”; “affare fatto” è stata la mia risposta.

Ci siamo dati appuntamento alle 5 del mattino al bar Biancospino a Cropani e senza troppe chiacchiere abbiamo preso la strada per il Santuario della Madonna del Pollino. Da lì belli carichi, anche di voglia di divertirci, ci siamo diretti verso le cime. Passando tra le maestose faggete del Fosso Iannace, il Piano di San Francesco e la doverosa tappa alla sorgente Pittacurtu, abbiamo raggiunto la Grande Porta, dove finalmente abbiamo scaricato le provviste e il necessario per la notte. I pini loricati erano più maestosi che mai ma decidiamo di raggiungere la vetta di Serra delle Ciavole per fotografare il tramonto. Tra i tanti cavalli e le genziane ancora in fiore arriviamo sulla serra con il sole già basso all’orizzonte, da qui le sagome dei secolari pini loricati diventano forme bizzarre disegnate dalle sfumature calde del tramonto.

Gentiana lutea, genziana maggiore,

Gentiana lutea, Genziana maggiore

Pascolo nelle zone più protette del parco

Pascolo nelle zone più protette del parco

Tramonto da Serra delle Ciavole

Tramonto da Serra delle Ciavole

Pollino tramonto da serra delle ciavole

Pollino tramonto da Serra delle Ciavole

Il passaggio dal giorno alla notte è sempre fantastico ma da quassù non ci sono paragoni. La scelta della giusta inquadratura non è difficile, un grandangolare, la ripresa dal basso e via gli scatti si susseguono veloci. Il sole è andato a dormire ma le mille sfumature sono ancora lì per addolcire l’arrivo della notte. Incantato come in un sogno, ho la sensazione di essere osservato, fatico a girarmi ma i colori caldi del tramonto si spengono e il chiaro di luna non consente alla notte di manifestarsi. Il riflesso della luna, alle mie spalle, mette in evidenza persino il mare, da questa distanza sono veramente poche le volte in cui si può osservare uno spettacolo del genere.

luna sul mare, Golfo di Sibari

Luna sul mare, Golfo di Sibari

Al mattino è ancora la luna la protagonista, che prima di tramontare tra il Pollino e Serra del Prete sembra aspettare il sole che con i suoi raggi radenti non consente al buio di assumere consistenza.

Dalla Grande Porta

Dalla Grande Porta

Il sole si affaccia sul mare del Golfo di Taranto per seguire la luna e lascia una scia dorata sulle onde ben visibile anche da quassù.

Alba dal Giardino degli Dei

Alba dal Giardino degli Dei

Alba dal giardino degli Dei nel Golfo di Taranto

Alba dal giardino degli Dei nel Golfo di Taranto

Alba nel Golfo di Taranto dal Giardino degli Dei

Alba nel Golfo di Taranto dal Giardino degli Dei

mare dal pollino

Il mare dal Pollino

In questa specie di nascondino il sole e la luna ci hanno regalato un fine settimana straordinariamente luminoso consentendoci di poter dormire nel nostro sacco a pelo solo al riparo della faggeta. Queste condizioni atmosferiche permettono agli insetti xilofagi, che vivono tra i tronchi marcescenti dei pini loricati, di essere attivi e questo ci ha permesso di catturare immagini, con i nostri obiettivi macro, dai colori e dalle forme straordinarie.

Mimetizzata tra i tronchi

Mimetizzata tra i tronchi

Coleottero ai piani del Pollino, Amphimallon fuscum

Coleottero ai piani del Pollino, Amphimallon fuscum

Buprestis octoguttata

Buprestis octoguttata

Xylotrechus arvicola

Xylotrechus arvicola

Cerambice tra i loricati

Cerambice tra i loricati, Anastrangalia sanguinolenta

Come spesso accade in natura niente può essere programmato, così in questa occasione non abbiamo visto né la Rosalia alpina né i lupi ma la grande Madre è talmente meravigliosa che ogni volta ci affascina con nuove scoperte e ci costringe in qualche modo a ritornare.

8 Comments

  1. Bernadette

    Sei bravissimo

  2. Francesco

    Splendido racconto corredato da altrettanto splendide immagini!

  3. Ferdinando Laghi

    Bellissime foto! Grande atmosfera. Una boccata di “ossigeno” in un periodo di “asfissia”. Grazie.

  4. Giorgio Braschi

    Una carrellata di immagini che donano emozioni e relax al tempo stesso… sempre bravissimo.!!..

  5. Antonio Gargaglione

    Queste foto sono stupende

  6. Federica

    Un viaggio incantevole…!!!! Bravo!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *