Alba in Appennino

Alba in Appennino

Ormai da settimane il caldo ci costringe in casa e per fare due passi non ci resta che uscire nelle prime ore del giorno. I lupi fanno questo da sempre, non solo per evitare noi umani; sfruttano i vantaggi del crepuscolo per sorprendere le prede più difficili. La magia del passaggio dalla notte al giorno non ha eguali, tutto diventa più bello se il sole ci bacia per primi e se all’alba siamo già nel posto giusto. Anche mio nonno diceva che in estate la giornata di lavoro inizia all’alba e finisce a mezzogiorno,  “a miezz juorn sunnai fatt quidd che avijase fa ci vò nate juornat”.

Pale eoliche all’alba in Appennino

Così l’altra mattina con la voglia di respirare un po’ d’aria fresca sono uscito al buio con il mio inseparabile binocolo e la macchina fotografica. Non mi sono allontanato molto dalla strada ma ho cercato un buon posto per poter vedere i campi frequentati dai lupi e per osservare il sorgere del sole. La temperatura era gradevole e alla prima luce del giorno nei coltivi c’erano ancora molti selvatici che sembravano non voler rientrare nel bosco. Lontano almeno un chilometro in linea d’aria ho osservato una sagoma dall’andatura inconfondibile, era un lupo che attraversava una radura e si guardava intorno di tanto in tanto consentendomi di fare qualche scatto.

Canis lupus italicus. Iso 6400 f8 1/500 con 500mm e cavalletto

Mentre ero ancora intento a capire se fosse davvero un lupo qualcosa si è mosso nel campo più vicino, un altro lupo aveva attraversato la strada asfaltata e si dirigeva nel bosco poco lontano.

Canis lupus italicus

In meno di un minuto due lupi sono entrati nella mia visuale e un capriolo distratto è arrivato nel campo vicino.

Capriolo, Capreolus capreolus

Subito dopo il sole ha fatto capolino e mentre cercavo di catturare i colori caldi dell’alba in lontananza sulla collina ancora il lupo che spedito si dirigeva verso i monti e un capriolo lo osservava senza battere ciglio.

Lupo e capriolo

Ho pensato di ritornare ancora in quel posto poiché l’alba era durata troppo poco e non avevo avuto il tempo per appagare il mio desiderio di evasione.

2 Comments

  1. Maria

    L’ultima foto è un capolavoro…sembra un quadro

  2. Alessandra

    Un incanto! Grazie Antonio per condividere con noi il tuo sapiente ascoltate, sentire, vivere!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *