Chi sono

Antonio Iannibelli

Antonio Iannibelli

Conferisco agli eventi vissuti nell’infanzia gran parte del mio interesse verso la natura selvaggia e un valore essenziale per l’amore che nutro del lupo. Sono cresciuto con i miei nonni, pastori e contadini, nella grande “casa” del Bosco Magnano nel cuore del Pollino in Basilicata. L’amore indiscriminato che nutrivo per gli animali selvatici era decisamente superiore all’interesse per la scuola, i miei genitori furono solo in parte tolleranti. Mio nonno che mi accudiva discendeva da una famiglia a sua volta di pastori e cacciatori aveva una grande conoscenza della natura e possedeva una competenza favolosa dei grandi predatori: lupi e aquile.

Quando mio padre al ritorno dalla Francia mi portò un cucciolo di segugio di pochi giorni mi raccomandò di nutrirlo e non farlo mai entrare in casa, fu la mia fortuna. Ero io che andavo continuamente nella sua cuccia.

Il cucciolo mi considerava la sua “mamma” e piangeva persino, quando mancavo da troppo tempo alla sua vista. Già questo mi bastava per essere felice ma quando Fiorino (cosi avevamo chiamato il cucciolo) incominciò a scorrazzare per i boschi insieme a me fu di grande insegnamento. I cani furono i miei amici migliori che contemporaneamente all’educazione di mio nonno fissarono l’interesse per i lupi quando ero ancora bambino…
Mentre cercavo di conoscere la natura del lupo scoprii l’ingiustizia degli uomini nei suoi confronti. Desideravo possedere un lupo per dimostrare la loro importanza ma quando questa cosa si dimostrò impossibile mi impegnai con tutte le mie forze a far conoscere il vero lupo dei boschi. Ho imparato a fotografe e fare riprese video, ho fondato un’associazione culturale provediemozioni.it che si occupa di formazione fotografica e di educazione ambientale. Per dare voce ai tanti ricercatori amatoriali ho realizzato questo blog e ideato la “festa del lupo”, un evento biennale che raduna un gran numero di appassionati da tutt’Italia.
Nel 2013 ho descritto come nasce il mio amore per la natura nel libro “Un cuore tra i lupi”.